stemma del Comune di Bereguardo (PV) Sito Ufficiale del Comune di Bereguardo (PV)  
Europa - Bandiera della Comunità Europea
http://europa.eu/index_it.htm Italia - Bandiera della Repubblica Italiana
http://www.italia.gov.it/
Lombardia - Stemma della Regione Lombardia
http://www.regione.lombardia.it/ Pavia - Stemma della Provincia di Pavia
http://www.provincia.pv.it/
Sei qui: Home » Cenni storici condividi questa pagina su Facebookinvia questa pagina per emailstampa questa pagina
Utilità
Cerca nel sito
Scrivi al Comune
Personalizzazione
Mappa del sito
Stampa pagina
Preferiti
Meteo e previsioni
Geolocalizzazione

Visualizzazione
Passa a visualizzazione “Alto contrasto, sfondo bianco” Passa a visualizzazione “Alto contrasto, sfondo nero” Passa a visualizzazione “Caratteri grandi”

Cenni storici

L’origine di Bereguardo è oscura nel tempo, non avendo dati certi del luogo ma, con probabilità, fu possesso del Vescovo di Pavia. Nel 1300 Luchino Visconti lo dotò di un Castello.

Il suo nome risente chiaramente dell’influenza della letteratura francese, italianizzando il nome francese di «Bel-Regard» (“Bello Sguardo”) in Bereguardo.

Il Castello, rimasto possesso dei Visconti, servì, più che per scopi guerreschi, come Villa Ducale, resa più attraente per annessione di una superba riserva di caccia, unitavi dal Duca Gian Galeazzo Visconti, con un decreto del 16 febbraio 1386, che estendeva a tutto il territorio del Ticino, allora ricchissimo di fitti boschi e selvaggina di ogni sorta come cinghiali, cervi, caprioli, daini, etc.


Il Castello Visconteo di Bereguardo in una foto d’epoca
1352 x 1000 (410 KB)
Il Castello Visconteo di Bereguardo in una foto d’epoca



Nell’anno 1447 il Conte Francesco Sforza, nell’intento di impadronirsi del Ducato di Milano, pose assedio al Castello di Bereguardo.

In quell’anno era Castellano di Pavia Matteo Marcagatti di Bologna, detto il Bolognino il quale, indotto da Agnese Del Maino, consegnò Pavia al Conte Sforza e questi, per l’aiuto avuto, rimunerò il Bolognino col titolo di Conte e col soprannome di Attendolo, e gli donò il Castello di Bereguardo.

Questa possessione rendeva in quel tempo alla camera Ducale 900 ducati e, dopo quella del Parco di Pavia e del Castello di Settimo, era la maggiore di tutte le possessioni ducali nel territorio pavese.

Essendo in quel tempo rimasta trascurata la caccia, la selvaggina era talmente cresciuta, che fu accordata la facoltà a chiunque di ucciderla nel territorio.

Il primo di aprile del 1450, essendo Francesco Sforza diventato Duca di Milano, revocò la donazione di Bereguardo al Bolognino, e la volse a favore del Conte Giovanni Tolentini della Stacciola, del Ducato di Urbino, suo capitano e consigliere ducale, al quale diede in sposa la propria figlia naturale Isotta Sforza, conservando però a sé stesso una parte dei diritti feudali.

Il Conte Giovanni Mauro da Tolentino tenne il feudo di Bereguardo dal 1450 al 1470, anno di sua morte.

Memorie dei Tolentini in Bereguardo sono il Canale Ticinello, poi chiamata Roggia Tolentina, e le Cascine Tolentine (Cascina Grande, Cascina Conca, etc).

Nel 1374 si ha memoria documentata del Porto, o passaggio sul Ticino, consistente in un ponte di barche, o più frequentemente di una semplice nave girante dalle due rive, per trasporto dei passeggeri.

Era uno degli undici porti costruiti sul Ticino, il quinto da valle a monte. Nelle vecchie carte geografiche e documenti, era chiamato di Bereguardo, di Parasacco, della Zelata, del Pissarello ed anche di Garlasco. Per la sua importanza commerciale militare, nel 1378 fu fortificato, e sostituito nel 1449 da un ponte di barche dal Duca Francesco Sforza, per transito e poi sostituito da un ponte in chiatte stabile, qui trasferito dalla Becca sul Po.

(tratto dalle Memorie Storiche del Prevosto don Terzo Cerri)

Il ponte di barche sul Ticino
1500 x 1000 (469 KB)
Il ponte di barche sul Ticino






Donazione del Castello di Bereguardo al Comune

In data 10 Marzo 1897, a rogito del Dott. Tito Rosnati, Notaio in Milano, al suo n°1589 del Repertorio si trova l'atto di “Donazione del Castello di Bereguardo fatto dal Sig. Ing. Giulio Pisa al Comune di Bereguardo”. Questo l'incipit: «Regnando S.M. Umberto I, per grazia di Dio e per volontà della Nazione Re d'italia. L'anno mille ottocento novantasette, 1897, il giorno dieci, 10, del mese di marzo. In Milano, nella casa d'abitazione del Sig. Ing. Giulio Pisa posta in via Palestro, 2, il Sig. Ing. Giulio Pisa volendo dare una prova del suo interessamento al comune di Bereguardo di cui è uno dei principali proprietari si determinò di fare donazione irrevocabile al comune stesso dell'infradetto Caseggiato costituente l'antico Castello detto di Bereguardo.»

Copia integrale dell'atto [ pdf, 1011 KB ]
Il frontespizio dell'atto di donazione del Castello
Il castello di Bereguardo, incisione dell'Ottocento [ 488 KB ]
Il castello di Bereguardo

in una splendida incisione della metà dell'Ottocento [ 488 KB ]

 

Il Castello Visconteo
Il Castello Visconteo

Zelata
Zelata

San Zeno
San Zeno

 


Comune di Bereguardo
telefono : 0382.930362
fax : 0382.1722041
email (posta elettronica) : Indirizzo email protetto dal bots spam. Devi abilitare Javascript per vederlo.
PEC (posta elettronica certificata) : Indirizzo email protetto dal bots spam. Devi abilitare Javascript per vederlo.

 
disclaimer privacy warning credits favorites
Design and Engineering © 2017 by Castrovinci & Associati